Ruolo della dieta nel processo di guarigione delle ferite

papel de la dieta en el proceso de cicatrizacion de heridas

Nei pazienti a rischio o in presenza di ferite, la dieta gioca un ruolo importante nella prevenzione e nella guarigione. I nutrienti che influenzano la guarigione e la condizione della cute sono:

  1. Carboidrati: agiscono come fattori di comunicazione e struttura del processo di guarigione (glicoproteine). Inoltre, il lattato (prodotto dal glucosio) stimola la sintesi del collagene e attiva le vie di guarigione.
  2. Grassi: gli acidi grassi sono un componente essenziale delle membrane cellulari. Le prostaglandine sono essenziali nella fase infiammatoria, causando vasodilatazione nella ferita.
  3. Proteine: sono essenziali nel processo di guarigione, poiché il loro deficit ritarda la guarigione e inibisce il rimodellamento delle ferite. L’aminoacido arginina è essenziale nella sintesi proteica, nella produzione di collagene e nella funzione immunitaria. La glutammina agisce nella sintesi dei nucleotidi in cellule come i fibroblasti.
  4. Vitamina A: agisce come promotore della guarigione grazie all’aumento della differenziazione dei fibroblasti, alla sintesi del collagene, all’aumento delle forze di tensione della ferita. Tutto questo funziona riducendo l’infezione.
  5. Vitamina C: è un fattore essenziale per la sintesi di collagene, proteoglicani e matrice intracellulare di ossa, pelle, pareti dei capillari e tessuto connettivo. Il deficit può causare fibre collagene anomale, alterazioni della matrice, scarsa adesione delle cellule endoteliali e ridotta resistenza alla trazione del tessuto fibroso, portando alla comparsa di ulcere cutanee.
  6. Vitamina E: utile nel controllare la risposta infiammatoria in caso di lesioni.
  7. Vitamina K: migliora il processo di guarigione e riduce l’infezione, poiché agisce prevenendo il sanguinamento che potrebbe causare l’ematoma nella ferita.
  8. Vitamine del complesso B (B1 e B5): partecipano al processo di crescita e sviluppo di cellule e tessuti.
    Zinco: essenziale per la sintesi del DNA, la divisione cellulare e la sintesi proteica; necessario per i processi di riparazione e rigenerazione. La domanda di Zinco è maggiore nelle seguenti fasi:
    infiammatoria precoce
    proliferazione cutanea
    granulazione
  9. Ferro: è necessario per l’idrossilazione della prolina e della lisina nella sintesi del collagene.
    L’anemia grave può ritardare la guarigione in diversi modi:
    ridotta circolazione periferica
    scarsa ossigenazione della ferita
    ridotta azione battericida dei leucociti
  10. Rame: è un cofattore dell’enzima “lisil-ossidasi”, che è coinvolto nel legame incrociato tra elastina e collagene. 11. Magnesio: Cofattore di enzimi coinvolti nella produzione di collagene e di epitelizzazione tissutale.

Consigli utili: Seguire una dieta equilibrata, in cui non vi sia deficit di questi nutrienti, aiuterebbe nella gestione delle ferite, migliorandone la guarigione.

La tabella seguente mostra i diversi alimenti che forniscono i diversi nutrienti sopra menzionati.

Nutrienti

L’idratazione gioca un ruolo importante poiché la disidratazione è un fattore che influenza lo sviluppo delle UdP. La pelle diventa anelastica, fragile e più suscettibile alla rottura. I pazienti anziani indeboliti sono particolarmente vulnerabili alla disidratazione. Si consiglia di bere tra 1,5-2 litri di acqua al giorno.

Non va dimenticato che l’obiettivo di questo post non è quello di stabilire una dieta specifica per ogni paziente, poiché sono i nutrizionisti / dietologi che si occupano di questo compito. L’obiettivo è sapere quali alimenti migliorano la condizione della pelle e dovrebbero essere presenti nella dieta del paziente, purché non siano controindicati.

Bibliografia:

  • Oliveira Costa AC, Sabino Pinho CP, Almeida do Santos AD, Santos do Nascimiento AC. Ulceras por presión: incidencia y factores demográficos, clínicos y nutricionales asociados en pacientes de una unidad de cuidados paliativos. Nutr Hosp. 2015; 32 (5): 2242-52.
  • Carrera Castro C. Realidad versus teoría: elementos traza, su implicación en la prevención y/o tratamiento de las heridas. clin. diet. hosp. 2013; 33(1): 61-72.
  • Verdú Soriano J, Perdomo Pérez E. Documento técnico GNEAUPP Nº XII «Nutrición y Heridas Crónicas.» Logroño. 2011: 1-68.
  • Carrera Castro C. En la naturaleza está la respuesta: «Micronutrientes: las vitaminas, agentes terapéuticos en las heridas.» Enfermería Global. 2013; 12(3):273-89.
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (Ancora nessuna valutazione)
Loading...

Lascia un commento

20 − due =

Meno giorni con lesioni

Le informazioni a cui si desidera accedere sono destinate esclusivamente agli operatori sanitari. Il suo contenuto è stato sviluppato da esperti debitamente qualificati, con l’intenzione di offrire tali contenuti ad altri esperti e professionisti della salute.

Le informazioni qui contenute non presuppongono in alcun caso consulenza medica, ma piuttosto informazioni sui prodotti e servizi dell’azienda destinate alla lettura da parte di professionisti qualificati.

L’uso improprio di uno qualsiasi dei prodotti qui citati può causare danni e deterioramento della salute, se non vengono utilizzati sotto supervisione clinica e in conformità con le linee guida per l’uso del prodotto.

Per accedere a queste informazioni devi contrassegnare “Sì, sono un operatore sanitario”, confermando che sei un operatore sanitario.