Gestione delle lesioni tumorali

tratamiento ulceras tumorales

Quando mi occupo di gestione delle ferite nel mio lavoro quotidiano e mi dicono che abbiamo a che fare con un paziente con lesioni tumorali, è inevitabile che compaia una sensazione di timore, poiché si tratta di una sfida complessa.

Le ulcere tumorali rappresentano un importante problema di salute con gravi conseguenze e ripercussioni sulla qualità della vita del paziente (dolore, sanguinamento, cattivo odore e isolamento sociale). Sono generalmente prodotte da tumori in fase molto avanzata, ricorrenti o metastatici in cui il grado di infiltrazione preme sulla cute, provocando la rottura dell’integrità cutanea.

I tumori più frequenti, in stadi molto avanzati, che possono sviluppare ulcere neoplastiche sono:

  • Linfoma cutaneo o carcinoma al seno, alla laringe, al colon, alla vulva, all’ovaio, al retto, ecc.

manejo de ulceras

  • Tumori cutanei diversi dal melanoma (carcinoma basocellulare e carcinoma squamocellulare), melanomi e sarcomi.

ulceras tumorales manejo ulceras tumorales

È noto che circa il 5% dei tumori presenti interessamento cutaneo; tuttavia, non è noto quale sia la proporzione che porta allo sviluppo di ulcere neoplastiche. Esse possono essere dovute al tumore stesso o a metastasi, poiché quando aumentano di dimensioni provocano una rottura della cute.

Possono apparire come ferite a forma di cratere o lesioni a “cavolfiore”, cioè lesioni con una zona centrale con tessuto nero (necrotico). Questi tessuti sono molto inclini all’infezione, quindi dobbiamo controllare la loro evoluzione monitorando i sintomi..

ulcera tumoral     tratar ulceras tumorales

All’interno di questo campo, è comune che l’assistenza dipenda dalle conoscenze e dal metodo degli infermieri coinvolti, determinando una grande variabilità e incertezza, e diventando un grosso problema quando si tratta di ottenere un trattamento corretto per queste ulcere. La totale guarigione di queste ferite è molto difficile: solo una piccola percentuale di solito guarisce completamente dopo l’intervento chirurgico. Le cure devono essere indirizzate a combattere i sintomi, migliorando la qualità della vita di queste persone e delle loro famiglie.

Per avere un buon approccio all’ulcera, è necessario effettuare in via prioritaria una valutazione generale della persona e una valutazione locale dell’ulcera tumorale::

 

Valutazione generale delle persone con ulcere tumorali

La valutazione deve obbligatoriamente includere i seguenti elementi:

  • Momento evolutivo della malattia oncologica, patologie associate o problemi intercorrenti,
  • Prognosi del processo oncologico.
  • Capacità funzionale del paziente (capacità delle persone di svolgere attività della vita quotidiana utilizzando linee guida come la scala di Karnofsky) 3,
  • Stato nutrizionale del paziente (alta incidenza di malnutrizione nelle malattie oncologiche valutabile con strumenti validati come il Mini Nutrition Assessment (MnA).3
  • Aspetti psicologici del paziente (autostima e immagine corporea) 8

Valutazione locale dell’ulcera tumorale1

Per effettuare una valutazione mirata, bisogna determinare:

      • A. Aspetto della lesione: ispezione, visualizzazione e misurazione della ferita, posizione, dimensione, tessuto devitalizzato/necrotico, slough, cute perilesionale.
      • B. Batteri: gestione della carica batterica. A causa della scarsa vascolarizzazione, aumenta il rischio di necrosi, producendo proliferazione batterica sia aerobica che anaerobica.
      • C. Controllo dell’essudato: il monitoraggio dell’essudato è fondamentale poiché con questo controlliamo l’odore, il rischio di infezione e proteggiamo la cute perilesionale, aumentando il comfort del paziente.1,3,4,9,10

Livelli di evidenza e grado di raccomandazione

Assistenza basata sulle migliori prove disponibili:

 

CURA DELLE FERITE (IAS 3660)

  • Inumidire l’area prima della rimozione della medicazione per ridurre il dolore, il sanguinamento e non danneggiare l’area perilesionale BASSA EVIDENZA.1,4,8
  • Detergere con soluzione fisiologica EVIDENZA MODERATA.1,3,11
  • L’uso di antisettici come la clorexidina aiuta a decontaminare ed eliminare il tessuto fibroso e devitalizzato.BASSA EVIDENZA.1,3,4
  • Mantenere il tessuto perilesionale pulito e idratato. Medicazioni trasparenti in poliuretano (fogli o unguenti a contatto con ossido di zinco proteggono bene la cute perilesionale) EVIDENZA MODERATA.1,4
  • La pulizia della ferita riduce l’odore e rimuove il tessuto devitalizzato BASSA EVIDENZA.1,2
  • La cura in ambiente umido ha dimostrato una maggiore efficacia clinica rispetto alla cura tradizionale EVIDENZA MODERATA.1,2
  • Utilizzare medicazioni assorbenti (fibra gelificante, alginato di calcio) per gestire l’eccesso di essudato EVIDENZA MODERATA.1.4
  • Le medicazioni a rilascio d’argento sono un’opzione molto utile nei pazienti con ulcere neoplastiche EVIDENZA MOLTO BASSA.3,4,9,10,12
  • Utilizzare elementi per la riduzione degli odori da soli o associati all’argento, se l’odore persiste nonostante la detersione ed il debridement EVIDENZA MODERATA1,3,9,11,12
  • Utilizzare il metronidazolo per le ferite da odore incontrollabile ALTA EVIDENZA.1,3,4,7,15
  • Utilizzare misure di gestione del prurito (come protezione cutanea perilesionale e corticosteroidi topici sulla cute perilesionale o idrogel nella lesione tumorale) EVIDENZA MOLTO BASSA.3
  • Valutare le colture di ferite EVIDENZE MOLTO BASSE.1,2
  • Evitare di esporre costantemente le lesioni tumorali all’ambiente EVIDENZE MOLTO BASSE.1,2
  • Considerare gli effetti psicologici del paziente nella scelta dei prodottii e dei trattamenti giusti EVIDENZE MOLTO BASSE.

GESTIONE DEL DOLORE (IAS 1400)

  • Utilizzare misure coadiuvanti per la gestione del dolore (attraverso la guarigione in ambiente umido o inumidendo le medicazioni) EVIDENZA MOLTO BASSA.1,4
  • Considerare l’uso di gel oppioidi come analgesici topici per la gestione del dolore locale o medicazioni contenenti ibuprofene EVIDENZA MODERATA.4,14

 

CONTROLLO DEL SANGUINAMENTO (IAS 4160)

  • Controllare il sanguinamento applicando una pressione diretta sull’area e utilizzando medicazioni emostatiche come alginato di calcio o spugne emostatiche. Nelle lesioni con sanguinamento persistente, considerare se rivolgersi a cauterizzazione, chirurgia, radioterapia o utilizzare altre opzioni con cautela.EVIDENZA MOLTO BASSA.3,10,12
  • Il debridement chirurgico non è raccomandato in una ferita tumorale a causa del rischio di sanguinamento e difficoltà nell’emostasi EVIDENZA MOLTO BASSA.1,3,9,11

Bibliografia:

  1. Pérez Santos L, Cañadas Núñez F, García Aguilar R, Turrado Muñoz MA, Fernández García GA, Moreno Noci M, et al. Guía de práctica clínica para el cuidado de personas con úlceras neoplásicas. Sevilla: Hospital Universitario Reina Sofía, Com-plejo Hospitalario Torrecárdenas, Servicio Andaluz de Salud, Junta de Andalucía; 2015.
  2. Guía rápida de consulta para el cuidado de personas con úlce-ras neoplásicas. Sevilla: Hospital Universitario Reina Sofía, Complejo Hospitalario Torrecárdenas, Servicio Andaluz de Sa-lud, Junta de Andalucía; 2015.
  3. Cabanillas González M, Pulgarín Sobrino SB, Ananín Fernán-dez C. Guía práctica de lesiones cutáneas neoplásicas. [Guía práctica nº 4]. Santiago de Compostela: Xunta de Galicia, Con-sellería de Sanidad, Servicio Gallego de Salud, Dirección Ge-neral de Asistencia Sanitaria; 2016.
  4. Vallés Martínez MP, Lapeira Cabello JM, Gómez Cano S, Pé-rez Espina R, Portillo Pena MJ, Albert Y, et al. Guía práctica de abordaje integral de las úlceras tumorales. Madrid: Grupo de trabajo de enfermería de la Sociedad Andaluza de Cuidados Paliativos; 2015.
  5. Grupo de Trabajo de la GPC sobre Cuidados Paliativos. Guía de práctica clínica sobre cuidados paliativos. Madrid: Ministerio de Sanidad y Consumo. Agencia de Evaluación de Tecnolo-gías Sanitarias del País Vasco; 2008.
  6. Gómez Sancho M, Ojeda Martín M. Cuidados paliativos. Con-trol de síntomas. 6ª ed. Las Palmas de Gran Canaria: Unidad de medicina paliativa del Hospital Universitario de Gran Cana-ria Dr. Negrín; 2014.
  7. Seco-Franco J. Abordaje paliativo de enfermería en las úlceras tumorales. Revisión bibliográfica. Enferm Dermatol. 2019.
  8. Tejada Domínguez FJ, Ruíz Domínguez MR. Heridas y fístulas tumorales: posicionamiento para    mejorar el cortejo sintomá-tico. Hygía: 2010; 74: 55-62.
  9. Vargas E, Alfonso I, Solano D, Aguilar D, Aguilar M, Gómez V. Heridas neoplásicas: aspectos básicos del cuidado de enfer-mería. Repert Med Cir. 2015; 24(2):95-
  10. Orbegonzo Aramburu A. Heridas neoplásicas. Abordaje desde enfermería. Rev ROL Enf. 66662009; 32(1):16-20.
  11. Silva KRM, Bontempo PSM, Reis PED, Vasques CI, Gomes IP, Simino GPR. Intervenções Terapêuticas em Feridas Tumo-rais: Relato de Casos. Rev Bras Cancerol: 2015; 61(4): 373-9.
  12. Granados Matute AE, Cejudo López A, Barroso Vazquez M, Cordero Ponce M, Jiménez León R, Romero Sánchez I. Cui-dados del paciente con herida tumoral. Evidentia [internet]. 2013; 10(41).
  13. Grupo de Trabajo de la Guía de Práctica Clínica sobre Cuidados Paliativos. Guía de prácticaclínica sobre cuidados paliativos. Madrid:
  14. Graham T, Grocott P, Probst S, Wanklyn S, Dawson J, Gethin G. How are topical opioids used to manage painful cutaneous lesions in palliative care? A critical review. PAIN.  2013; 154: 1920-8.
  15. Palomar Llatas F, Fornes Pujalte B, Díez Fornés P, Muñoz Ma-ñez V, Lucha Fernández V, Arantón Areosa L. Guía de actua-ción en lesiones oncológicas. Enferm Dermatol. 2008; 2(4): 8-15.12. Maida V, Ennis M, Kuziemsky C, Corban J. Wounds and sur-
1 stella2 stelle3 stelle4 stelle5 stelle (2 voti, media: 4,50 di 5)
Loading...
Meno giorni con lesioni

Le informazioni a cui si desidera accedere sono destinate esclusivamente agli operatori sanitari. Il suo contenuto è stato sviluppato da esperti debitamente qualificati, con l’intenzione di offrire tali contenuti ad altri esperti e professionisti della salute.

Le informazioni qui contenute non presuppongono in alcun caso consulenza medica, ma piuttosto informazioni sui prodotti e servizi dell’azienda destinate alla lettura da parte di professionisti qualificati.

L’uso improprio di uno qualsiasi dei prodotti qui citati può causare danni e deterioramento della salute, se non vengono utilizzati sotto supervisione clinica e in conformità con le linee guida per l’uso del prodotto.

Per accedere a queste informazioni devi contrassegnare “Sì, sono un operatore sanitario”, confermando che sei un operatore sanitario.